TECNICADELLASCUOLA: Scuola senza voti: è giusto in teoria, ma la pratica è altra cosa

Nella sua risposta alla mia lettera sulla scuola senza voti Reginaldo Palermo centra il problema: fare in modo che un discente apprenda per il puro piacere di apprendere, un piacere fine a se stesso, a prescindere dalla gratificazione del voto. Impresa assai difficile, perché nella vita moltissi…
Continua a leggere su: